André Navillod suona il Baghèt, cornamusa bergamasca
André Navillod

Spartito originale
Spartito originale

Bellaz

La melodia originale in fa maggiore è stata trasportata in do maggiore per poter essere eseguita con piu facilità dagli strumenti tradizionali. Negli spartiti in formato PDF e PNG si trova la diteggiatura per l'organetto diatonico sotto la notazione musicale moderna.

Il testo in francese antico è stato stampato per la prima volta nel 1555 nella città di Lione. L'autore è Nicolas Martin, cittadino di Saint-Jean-de-Maurienne in Francia dove si presume sia nato all'inizio del 1500.

Nella libro da cui è tratto questo brano sono presenti otto natali in francese antico e otto in patois nella prima parte e tredici canzoni in patois e quattro in francese nella seconda.

Curiosamente le due parti quasi si contrappongono. Ai testi talmente ortodossi dei natali da diventare quasi un catechismo di fede cattolica seguono le canzoni in dialetto dai testi molto liberi e talvolta licenziosi. Il libro ebbe talmente successo da richiedere una nuova edizione nel 1556. Lascio argomentare ai lettori se a causa della prima o della seconda parte.

Questa canzone è la prima della raccolta, nel testo indicata come AUTRE CHANSON (altra canzone) e nell'indice compare con il titolo di Bella ie (bella io).

Nella prima colonna è trascritto il testo originale in dialetto savoiardo con in seconda colonna la traduzione in italiano. Nella terza colonna la versione in patois valdostano con a fianco la traduzione italiana.

Bellaz Bella Bella Bella
BEllaz ie me fuy mochiaz Bella mi sono pulito (1) Bella ze mé si mozé Bella mi sono pulito il naso
p voz beyfier damorette. Per baciarvi d’amore Pé bésé vo lévrè biètté Per baciare le vostre labbra bagnate
Laua pana & torchaz Lavato asciugato e torto Si lavo pano e torzé Sono lavato asciugato e torto
Iez lez laure toute nette. Ho le labbra tutte pulite Zé lé lévre totté propré Ho le labbra pulite del tutto
Lez vostre fon tan ornette Le vostre sono tanto belle Lè veutre sont tan plésente Le vostre sono così piacevoli
A forciz destre lefchiaz A forza di essere leccate A force d'étre lèchè A forza d’essere leccate
I e nẽfcez gin de ply blette Non ne conosco di più bagnate N'en cognéso dé pe biette Non ne conosco di più bagnate
Eft mol quã de fa ra fiaz Sono molli come del seras (2) Son molle commen séra Sono molli come del seras (2)
Ie voz amo eft defpachaz Io vi amo è deciso Vo-s amo pé la via Vi amo per la vita
2 2 2
Sevoz mauia debochaz Se mi avete traviato Se vo m'avé dépergià Se mi avete persa
Ou fect engroffir la panciz O fatto ingrossare la pancia O fé confia la men panse O fatto gonfiare la mia pancia
Iaquoz voz naria pechaz Giacomo per voi non sarebbe peccato Giaquè vo-s areu pécha Giacomo avreste peccato
E ny a pa grand fianciz E non c’è grande fiducia Queutté mae votr'espéranse Lasciate pure la vostra speranza
Mioz voz voudrit la quillanciz Meglio vi varrebbe giocare ai birilli (3) Miou pé vo 'na grama danse Meglio per voi una cattiva danza
Que de maueyr debochiaz Che di avermi traviata Que dé m'aver dépergià Che di avermi perso
Terie arrier voftre lanciz Tirate indietro la vostra lancia Indèré la veutra lance Indietro la vostra lancia
Ey neft pa ouraz machaz Non è pappa fatta (4) Qué gnen y va capità Che nulla succederà adesso
Leyffye eft prou tatafsiaz. Lasciate è toccato a sufficienza Lésé maé y é prou tochà Lasciate pure è toccato a sufficienza
3 3 3
Iay vng grã temp perchafsiaz Ho per gran tempo inseguito Dé lon ten mè zé zerzé Da tanto tempo io ho cercato
Bellan voftraz bonaz graciz Belando la vostra buona grazia Bélan veutra bonna grace Belando la vostra buona grazia
Dey finq ans ie lez crochiaz Da cinque anni cercavo il gancio Cinq an pé vo-s accapé Cinque anni per acchiapparvi
Voz facen bellaz grimaciz Facendovi una bella faccia En vo fésen 'na bella face Facendovi un bella faccia
Ie fuy iaz freid quã de glaciz Ora sono tutto freddo come del ghiaccio Si tot fret commen dé glace Son tutto freddo come del ghiaccio
Eft fect ie fuy fricafsiaz È fatto sono fritto Ze si belle freucassé Sono ormai fritto
Se voz ne me teny pachiz Se voi non mi tenete il patto Sensa veutra bella grace Senza la vostra bella grazia
Ie morrey comme enragiaz Io morirà come malato di rabbia Ze mouéo poué enrazé Morirò malato di rabbia
Ey voz faraz reprochiaz. E vi sarà rimproverato E vo-s époué réprozé E vi sarà rimproverato
4 4 4
Ie fuy tan entrefechiaz Io son tanto trafitta Mé ze si paé tocha Io sono così toccata
Damour queft vnaz grand chofaz D’amore che è una grande cosa D'amour veillo lés etelé D’amore vedo le stelle
Ie meftyo bien affichiaz Io mi ero bene compromessa E ze vo lé tro moutrà E ve l’ho troppo mostrato
Se ie luuruz a dieu ma pofaz Se io apro addio mia pausa Sé euvvro perdo lé cervélé Se apro perdo le cervella
Eft fect ie fuy fricafsiaz È fatta io sono fritta Trembio commen dé laseulé Tremo come della pappa
Que fary ioz malleyroufaz Che farò io sfortunata Sé ze sépouè menacha Se sarò minacciata
Ie fary poez menaffiaz Io sarò poi minacciata Maleureusa que dé pénè Sfortunata quante pene
Fede ie fuy corrofsiaz Fate io son costretta Fésé ma mé ze voui pà Fate pure ma non voglio
De tenyr ma portaz clofaz. Di tenere la mia porta chiusa Ma peurta resté fremà La mia porta resta chiusa
5 5 5
Apre que luftz efmochaz Dopo averlo schivato Apré l'aver esquivé Dopo averlo schiavato
Demy dofeynaz de viaioz Mezza dozzina di volte Dé queu 'na demia doséna Una mezza dozzina di volte
E dict eft proz tracafsiaz E detto basta preoccuparsi E deut ea prou tracassé E detto ora basta preoccuparsi
Ey me fuet iaz loz vifaioz Mi suda già il viso Què dé chor si totta piéna Che di sudore sono tutta piena
Ly refpondit bon coraioz Gli risposi buon coraggio Bon coazo e bonna péna Buon coraggio e buona fatica
Ey ny haz ply qu’unuchiaz C’è solo più un uscio Reste maquè en post pé entré Resta solo un posto per entrare
Fedez foul y haz proz larioz Fendilo è largo a sufficienza Fenlo que iè larzo a péna Fendilo che è largo appena
Tandy que ie fuy cuchiaz Mentre io sono sdraiata Dze si entren dé mé coutzé Mi sto sdraiando
Furny fen quieft cumenciaz. Finisci ciò che cominciasti Frouni cen qu'e incomensé Finisci ciò che è iniziato

(1) Mouche-toi: pulisciti il naso
(2) seras: tipo di formaggio fresco
(3) quille: birilli. Il verbo “quiller” si può tradurre in italiano con l'espressione “raddrizzare i birilli”
(4) Traduco « Ey neft pa ouraz machaz” - “E y n'est pa ovraz machaz” “non c'è opera masticata” con modo di dire francese “mâcher le travail à quelqu'un” “far trovare la pappa fatta a qualcuno”
(5) Moza-té: pulisciti il naso (in patois valdostano)

La traduzione in italiano e la versione nel patois valdostano sono di Gian Mario Navillod.

Bibliografia:

Nicolas Martin – Clément Gardet, NOELZ & CHANSONS fac-similé de l'édition de 1555, Imprimerie-Librairie Gardet, Annecy 1973 (testo, traduzioni in francese e trascrizione spartiti)
Nicolas Martin, NOELZ & CHANSONS, A LYON, CHEZ MACE BONHOMME 1555, AVEC PRIVILEGE (testo e spartiti nella scrittura del XVI secolo, presente nella raccolta digitale della Biblioteca Nazionale di Francia: http://gallica.bnf.fr/)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 30.05.2007

Valid XHTML 1.0 Strict

Licenza Creative Commons
Quest'opera di Gian Mario Navillod distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

www.andre.navillod.it - escursioni e passeggiate guidate sui sentieri della Valle d'Aosta