Organetto diatonico
Organetto diatonico

Le vëpre de Cogne

Di questa canzone che cantava volentieri mia nonna suscitando grandi scrosci di risa se ne conoscono un’ottantina di versioni, sparse tra Italia, Francia, Svizzera e Canada. La melodia è quella del salmo In exitu Israël, un’aria religiosa che accostata al tono irriverente dei versi produce un effetto comico irresistibile.

Nel testo alle domande serie e posate poste della prima voce “quando ti sposerai Gorgio, figlio mio” la seconda risponde in tono sarcastico irridendo la miseria e la bruttezza della generazione precedente: “mi sposerò a Pasqua, non a metà quaresima come avete fatto voi”.

La semplicità della melodia, conosciuta da tutti perché cantata in chiesa, permetteva di aggiungere facilmente delle nuove strofe durante le veillà provocando grande ilarità e il proliferare di nuove versioni che tendevano solitamente a colpire le comunità vicine e mai la propria.

Questo testo è cantato in Valle d'Aosta su almeno tre melodie differenti. Due sono presenti nella raccolta curata dal Centre d'Etudes Francoprovençales René Willien de Saint-Nicolas e pubblicata nel 1995, la terza, ancora cantata ad Antey Saint André negli anni 1970/80, è pubblicata nel volume di Pignet Vuillermoz e Willien del 1957.

La tonalità originale è il fa maggiore, gli spartiti sono trasportati in sol maggiore per essere più facilmente eseguiti con gli strumenti tradizionali. La diteggiatura suggerita è per un organetto diatonico in sol maggiore.

Le vëpre de Cogne
J.- B. Cerlogne - Air populaire
I vespri di Cogne
Jean Baptiste Cerlogne - Melodia popolare
1 1
Quan te marie-teu poue, Dzordzo mon fis; Quando ti sposerai, Giorgio figlio mio;
Quan te marie-teu poue, Dzordzo mon entrefis? Quando ti sposerai, Giorgio figliolo mio?
Dze me mario pouë a Paque, papa que n’en dete-vò? Mi sposerò a Pasqua, papà cosa ne dite?
Pa poue maque a mië careima come vo s-ei, fét vò! Mica solo a metà quaresima come avete fatto voi!
2 2
Quinta feille pren-teu poue, Dzordzo non fis; Che ragazza prenderai, Giorgio figlio mio;
Quinta feille pren-teu poue, Dzordzo non entrefis? Che ragazza prenderai, Giorgio figliolo mio?
Euna dzenta pitetta, papa que n’en dete-vò? Una bella ragazzina papà cosa ne dite?
Pa poue maque euna beurta carambana avouë sat gottro come vo s-ei fét vò! Mica solo una brutta carampana con sette gozzi come avete fatto voi!
3 3
Quinta cotta lei atsette-teu poue, Dzordzo mon fis; Che cotta (vecchio vestito) le comprerai, Giorgio figlio mio?
Quinta cotta lei atsette-teu poue, Dzordzo mon entrefis? Che cotta le comprerai, Giorgio figliolo mio?
Eunna dzenta cotta de lana fina, papa, que n’en dete-vò? Una bella cotta di lana fine papà cosa ne dite?
Pa poue maque un saque de tsarbon come vo s-ei fét vò! Mica solo un sacco di carbone come avete fatto voi!
4 4
Quin motsaou lei atsette-teu poue, Dzordzo mon fis; Che fazzoletto le comprerai, Giorgio figlio mio;
Quin motsaou lei atsette-teu poue, Dzordzo mon entrefis? Che fazzoletto le comprerai, Giorgio figliolo mio?
Un dzen foular de seya, papa que n’en dete-vò? Un bel foulard di seta papà cosa ne dite?
Pà poue maque euna sarguetta totta estsancàye come vo s’ei fét vò! Mica solo un tovagliolo tutto strappato come avete fatto voi!
5 5
Quin faouder lei atsette-teu poue, Dzordzo mon fis; Che grembiule le comprerai, Giorgio figlio mio;
Quin faouder lei atsette-teu poue, Dzordzo mon entrefis; Che grembiule le comprerai, Giorgio figliolo mio;
Un dzen faouder de lana rodze, papa que n’en dete-vò? Un bel grembiule di lana rossa papà cosa ne dite?
Pà poue maque euna croèye peillatta di tseuvre come vo s’ei fét vò! Mica solo una misera pelle di capra come avete fatto voi!
6 6
Quin tsaousson lei atsette-teu poue, Dzordzo mon fis; Che calze le comprerai, Giorgio figlio mio;
Quin tsaousson lei atsette-teu poue, Dzordzo mon entrefis? Che calze le comprerai, Giorgio figliolo mio?
De dzen tsaousson de lana merinò, papa que n’en dete-vò? Delle belle calze di lana merino papà cosa ne dite?
Pà poue maque de canne di fornet come vo s-ei fét vò! Mica solo delle canne delle stufe come avete fatto voi!
7 7
Quinte botte lei atsette-teu poue, Dzordzo mon fis; Che scarpe le comprerai, Giorgio figlio mio;
Quinte botte lei atsette-teu poue, Dzordzo mon entrefis? Che scarpe le comprerai, Giorgio figliolo mio?
De dzente botte a bredequin (1), papa que n’en dete-vò? Delle belle scarpe a bredequin (1) papà cosa ne dite?
Pà poue maque un soler tordu et una socca come vo s-ei fét vò! Mica solo una suola torta e uno zoccolo come avete fatto voi!
8 8
Quinte s-aoure lei atsette-teu poue, Dzordzo mon fis; Che libro di preghiere le comprerai, Giorgio figlio mio;
Quinte s-aoure lei atsette-teu poue, Dzordzo mon entrefis? Che libro di preghiere le comprerai, Giorgio figliolo mio?
Un bò paroissien romain, papa que n’en dete-vò? Un bel paroissien romain papà cosa ne dite?
Pà poue maque le cent piëce di maouton come vo s’ei fét vò Mica solo le centopelli (parte dello stomaco) dei montoni come avete fatto voi!
9 9
Que baille-teu poue a pequé, Dzordzo mon fis; Cosa le darai da mangiare, Giorgio figlio mio;
Que baille-teu poue a pequé, Dzordzo mon entrefis; Cosa le darai da mangiare, Giorgio figliolo mio;
Dze baillo poue a pequé de boulì, de routì, de fricandò, papa que n’en dete-vò? Le darò da mangiare del bollito, dell’arrosto, del fricandò, papà cosa ne dite?
Pà poue maque de tartifle verde et de beuseya eire (*) come vo; s’ei fét vò! Mica solo delle patate verdi e del latticello acido come avete fatto voi!
10 10
Quin plat a-teu poue, Dzordzo mon fis; Che piatti avrai, Giorgio figlio mio;
Quin plat a-teu poue, Dzordzo mon entrefis? Che piatti avrai, Giorgio figliolo mio?
De dzen plat de faïence, papa que n’en dete-vò? Dei bei piatti di faience, papà cosa ne dite?
Pà poue maque su euna làbie come vo s-ei fét vò! Mica solo su una losa come avete fatto voi!
11 11
Quinte couiller a-teu poue, Dzordzo mon fis; Che cucchiai avrai, Giorgio figlio mio;
Quinte couiller a-teu poue, Dzordzo mon entrefis; Che cucchiai avrai, Giorgio figliolo mio;
De dzente couiller de fer, papa, que n’en dete-vò? Dei bei cucchiai di ferro, papà cosa ne dite?
Pà poue maque poutsiné atot le dei comme vo s-ei fét vò! Mica solo poutsiné atot le dei come avete fatto voi!
12 12
Quinta coutse a-teu poue, Dzordzo mon fis; Che letto avrai, Giorgio figlio mio;
Quinta coutse a-teu poue, Dzordzo mon entrefis; Che letto avrai, Giorgio figliolo mio?
Euna dzenta coutse de noyë, papa que n’en dete-vò? Un bello letto di noce, papà cosa ne dite?
Pà poue maque din la rètse di tseuvre come vo s-ei fét vò! Mica solo dentro la mangiatoia delle capre come avete fatto voi!

(*) nel dialetto valdostano “bougro d'euna besèya èya” “bougro d'un latticello acido” è un'ingiuria.

(1) Bredequin type de chaussure déjà citée par Rabelais dans Gargantua chap. 17 "... des bottes fauves. Babin les nomme brodequins ..."

(1) Bredequin tipo di calzatura già citato da Rabelais dans Gargantua chap. 17 "... degli stivali fulvi. Babin, calzolaio della regione di Chinon, li chiama brodequins ..."

La trascrizione del testo di questa vecchia canzone popolare è stata fatta dall'Abbé J.B. Cerlogne.

Testo tratto da “Le Messager Valdâtain” del 1922.

Traduzione italiana di Gian Mario Navillod.

Non tutti sanno che ...

2 Vêpres de Cogne

Qui de nous n'a pas cru que cette amusante chanson connue sous le nom de Vêpres de Cogne fut une chanson réellement valdôtaine? Il n'en est rien. C'est tout simplement une traduction en patois valdôtain d'une vieille chanson mimique connue en Champagne et dans le centre de la France sous le nom de la noce de Jean Martineau

Chi di noi non ha creduto che questa divertente canzone conosciuta con il nome di I vespri di Cogne fosse una canzone realmente valdostana? Non lo è per nulla. È semplicemente una traduzione in patois valdostano di una vecchia canzone mimica conosciuta nello Champagne e nel centro della Francia con il nome di Jean Martineau

Favre Joseph-Siméon, Le Valdôtain 1890, citato in Bruno Salvadori, Voyage autour d'un artiste, Typo-offset Musumeci, Aosta 1972 traduzione di Gian Mario Navillod

Bibliografia:

J.-M. Guyon, G. Charrière, J.-M. Jacquier, M. Bron, C. et M. Biolley, Chansons savoyardes... , Maisonneuve et Larose
, Paris 1997
Centre d'Etudes Francoprovençales René Willien de Saint-Nicolas, Les chants et les chansons valdôtains
, Musumeci Editeur, Aosta 1995
Pignet Vuillermoz e Willien, VALDOTEN, TZANTEN!
, Stamperia Musicale Fratelli Amprimo, Torino 1957
Le Messager Valdôtain
, 1922 (solo testo)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16.05.2006

Valid XHTML 1.0 Strict

Licenza Creative Commons
Quest'opera di Gian Mario Navillod distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

www.andre.navillod.it - escursioni e passeggiate guidate sui sentieri della Valle d'Aosta