André Navillod suona il Baghèt, cornamusa bergamasca
André Navillod

André Navillod suona il Baghèt, cornamusa bergamasca
André Navillod suona il Baghèt,
una cornamusa del Nord Italia

Dansa pa desù lo fen
Danse Valdôtaine
Dansa Valdoténa

Questa canzone è una delle più conosciute in Valle d’Aosta, in alcuni testi figura anche come Danse Valdôtaine o Dansa Valdoténa.

Dal 1948 è l’inno ufficiale del carnevale di Verrès con il titolo di “Catherine Catherine”. I versi dell’inno vennero composti per l’occasione da Césarine Binel, la melodia deriva dalla Marcia di Pamplona ed è suonata dalla Società Filarmonica di Verrès.

La stessa melodia è stata utilizzata dai Laripiopion per la canzone "Soldats de la neige" contenuta nell'omonimo CD.

Delle numerose versioni segnalo l’armonizzazione a quattro voci del Prof. Pignet pubblicata nel 1957. La melodia presentata in questa pagina è in sol maggiore ed è suonata da André Navillod con una cornamusa bergamasca, il Baghèt, costruita da Valter Biella.

Danse Valdôtaine Danza Valdostana
1
Dansa pà dessu lo fen, Non ballare sul fieno
Papa rogne, (bis) Papà brontola (bis)
Dansa pà dessu lo fen, papa rogne mama dit ren! Non ballare sul fieno, papà brontola mamma non dice nulla.
Papa rogne, papa rogne, Papà brontola, papà brontola,
papa rogne, mama dit ren! (bis) papà brontola, mamma non dice nulla (bis)
2
In tse Peïo nos allen Andiamo da Peïo
Bei-re eu-na coppa (bis) A bere una coppa (bis)
In tse Peïo nos allen bei-re eu-na coppa to-ta pe ren! Andiamo da Peïo a bere una coppa, tutta per nulla
Bei-re eu-na coppa, bei-re eu-na coppa, bere una coppa, bere una coppa,
bei-re eu-na coppa to-ta pe ren. (bis) bere una coppa, tutta per nulla (bis)
3
In tse Ni-da nos al-len Andiamo da Nida
La-pé la crâ-ma (bis) A lappare la panna
In tse Ni-da nos al-len la-pé la crâ-ma tota pe ren! Andiamo da Nida a lappare la panna, tutta per nulla
la-pé la crâ-ma la-pé la crâ-ma la-pé la crâ-ma tota pe ren (bis) lappare la panna, lappare la panna, lappare la panna, tutta per nulla

La signora ***, (classe 1947) usava cantare una quarta strofa
raccomandandosi di non ripeterla in pubblico:
4
Lo santécco su lo pomé Il sindaco su di un melo
Rodze dé pomme (bis) Divora le mele (bis)
Lo santécco su lo pomé, rodze dé pomme e caqué dé nué Il sindaco sul melo, divora le mele e caca delle noci
Rodze dé pomme, rodze dé pomme, Divora le mele, divora le mele,
rodze dé pomme e caqué dé nué (bis) divora le mele e caca delle noci (bis)

Traduzione italiana di Gian Mario Navillod
(Patois d’Aoste) (Patois di Aosta)
DANSA PA DESÙ LO FEN NON BALLARE SUL FIENO
Air populaire Aria popolare
1
Dansa pa desù lo fen: Non ballare sul fieno:
Papa rogne, (bis) Papà brontola, (bis)
Dansa pa desù lo fen, Non ballare sul fieno,
Papa rogne mama dit ren. Papà brontola mamma non dice nulla.
Papa rogne (ter), mama dit ren. Papà brontola (ter), mamma non dice nulla.
Papa rogne, (ter), mama dit ren. Papà brontola (ter), mamma non dice nulla.
2
Eun tsë Nide no-z-allen Andiamo da Nida
Lapé la crama (bis); A lappare la panna;
Eun tsë Nide no-z-allen Andiamo da Nida
Lapé la crama totta pe ren. A lappare la panna, tutta per nulla.
Lapé la crama (ter), totta pe ren. A lappare la panna (ter), tutta per nulla.
Lapé la crama (ter), totta pe ren. A lappare la panna (ter), tutta per nulla.
3
Eun tsë Pèye no-z-allen Andiamo da Peïo
Beire la branda (bis); A bere la grappa (bis);
Eun tsë Pèye no-z-allen Andiamo da Peïo
Beire la branda totta pe ren. A bere la grappa, tutta per nulla.
Beire la branda (ter), totta pe ren. A bere la grappa (ter), tutta per nulla.
Beire la branda (ter), totta pe ren. A bere la grappa (ter), tutta per nulla.
4
Pantion su eun pommë Pantaleone su di un melo
Rondze de pomme (bis) Rosicchia delle mele (bis)
Pantion su eun pommë Pantaleone su di un melo.
Rondze de pomme come eun vë. Rosicchia delle mele come un vitello.
Rondze de pomme (ter), come eun vë. Rosicchia delle mele (ter) come un vitello.
Rondze de pomme (ter), come eun vë. Rosicchia delle mele (ter) come un vitello.
5
Roffinelli podestà Roffinelli podestà
Pale la nei (bis); Spala la neve (bis);
Roffinelli podestà Roffinelli podestà
Pale la nei pe l’eunquerà; Spala la neve per il parroco;
Pale la nei (ter), pe l’eunquerà; Spala la neve (ter) per il parroco;
Pale la nei (ter), pe l’eunquerà; Spala la neve (ter) per il parroco;

Il testo è tratto dal volume pubblicato nel 1957 VALDOTEN, TZANTEN! Traduzione italiana di Gian Mario Navillod
CATHERINE, CATHERINE, CATHERINE, CATHERINE, CATHERINE! CATHERINE! (1) CATHERINE! CATHERINE!
sur le motif de “Dansa pa dessu lo fen” Sulla melodia di “Dansa pa dessu lo fen”
1 1
Yat tornà lo Carnaval È tornato il Carnevale, Yet tornà lo Carnaval, È tornato il Carnevale,
Pé Catherine, pé Catherine Per Catherine, per Catherine. Pe Catherine, pe Catherine. Per Catherine, per Catherine.
Yat tornà lo Carnaval È tornato il Carnevale, Yet tornà lo Carnaval, È tornato il Carnevale,
Pé l’honneur de cetta Val. Per l’onore di questa Valle Pe l’honneur de ceutta Val! Per l’onore di questa Valle
2 2
Catherine, Catherine Catherine, Catherine (refr.) Catherine, Catherine, Catherine, Catherine,
Catherine de Challand Catherine de Challand Catherine de Challand Catherine de Challand
Ve-s-envite, ve-s-envite Vi invita, vi invita Vo-s-envite, vo-s-envite, Vi invita, vi invita,
Ve-s-envite pé deman Vi invita per domani Vo-s-envite pé deman...! Vi invita per domani...!
3 3
E tzanten noutra tzanson E cantiamo la nostra canzone E tzanten noustre tzanson, E cantiamo le nostre canzoni,
Pé le coppe, pé le coppe Per le coppe, per le coppe Pe le coppe, pe le coppe; Per le coppe, per le coppe;
E tzanten noutra tzanson E cantiamo la nostra canzone E tzanten noustre tzanson, E cantiamo le nostre canzoni,
Sù lo bord de l’Evençon. Sul bordo dell’Evançon. Su lo bord de l’Evançon. Sul bordo dell’Evançon.
4 4
Pé le coppe, pé le coppe Per le coppe, per le coppe (refr.) Pe le grôle, pe le coppe, Per le grolle, per le coppe,
Dou piquiò vin de Quassou Del piccolo vino di Quassù Dou piquiot vin de Quassù; Del piccolo vino di Quassù;
Pé le coppe, pé le coppe Per le coppe, per le coppe Pe le Conto, le Contesse, Per i conti, le contesse,
La polenta e le fisou. La polenta e i fagioli. La polenta e le fisou...! La polenta e i fagioli...!
5 5
Vignon sù le-s-Arnayot Vengono su quelli di Arnad Vignon su le-s-Arnaiot, Vengono su quelli di Arnad,
Ci d’Issogne, ci d’Issogne Quelli di Issogne, quelli di Issogne E co’ensemblo si d’Issogne, E insieme a loro quelli di Issogne,
Vignon sù le-s-Arnayot, Vengono su quelli di Arnad, Vignon se le-s-Arnaiot, Vengono su quelli di Arnad,
Pé bagnisse in cô le pot. Per bagnarsi una volta le labbra. Pe bagnisse en co’ le pot. Per bagnarsi una volta le labbra.
6 6
Ci d’Issogne, ci d’Issogne Quelli di Issogne, quelli di Issogne (refr.) Son en gamba si d’Issogne, Sono in gamba quelli di Issogne,
lo pays dou grù Tzasté Il paese del grande Castello Lo pays dou grou Tzasté, Il paese del grande Castello,
ci d’Issogne, ci d’Issogne Quelli di Issogne, quelli di Issogne Si d’Issogne e la Revire, Quelli di Issogne e la Revire,
fan la festa où Gran Café Fanno festa al Gran Café! Fan la festa ou Gran Café! Fanno festa al Gran Café!
7 7
No tzanten noutra tzanson Cantiamo la nostra canzone No tzanten noustre tzanson, Cantiamo le nostre canzoni,
Sù la Piace, sù la Piace Sulla Piazza, sulla Piazza Su la Piace, su la Piace!!! Sulla Piazza, sulla Piazza!!!
No tzanten noutra tzanson Cantiamo la nostra canzone No tzanten noustre tzanson, Cantiamo le nostre canzoni,
Pé le buébe e lo vin bon. Per le ragazze e il vino buono. Pe le buébe e lo vin bon!!! Per le ragazze e il vino buono!!!
8 8
Catherine, Catherine, Catherine! Catherine! (refr.) Catherine! Catherine! Catherine! Catherine!
No dansen ensembio un bal Danziamo insieme un ballo: No dansen ensembio un bal: Danziamo insieme un ballo:
Sù la Piace, sù la Piace Sulla piazza, sulla piazza, Su la Piace, su la Piace, Sulla piazza, sulla piazza,
Pé l’houneur dou Carnaval Per l’onore del Carnevale!!! Pe l’honneur dou Carnaval!!! Per l’onore del Carnevale!!!

C. Binel Césarine BINEL

Testo tratto dal manifesto del carnevale di Verres Traduzione di Gian Mario Navillod Testo tratto dal volume Valdoten, Tzanten! Traduzione di Gian Mario Navillod
(1) Sur l’air de la «Dansa valdoténa».
La chanson a été céompose (sic)
à l’occasion du premier Carnaval
de Verrès, l’an 1948.

Nota: le due versioni del testo differiscono leggermente nella grafia del dialetto e in alcuni brevi passaggi del testo: “no tzanten noutra tzanson” (cantiamo la nostra canzone) anziché “no tzanten noustre tzanson”, (cantiamo le nostre canzoni), “ci d’Issogne, ci d’Issogne” (quelli di Issogne, quelli di Issogne) anziché e “co’ensemblo si d’Issogne”, (e insieme a loro quelli di Issogne) ecc.

Bibliografia:

Pignet Vuillermoz e Willien, VALDOTEN, TZANTEN!, Stamperia Musicale Fratelli Amprimo, Torino 1957
Egidio Lanivi, à pleine voix, Casa Editrice Singularis, Aosta 2005

PAGINA DEL 12.04.2007
ULTIMO AGGIORNAMENTO 28.03.2010

Valid XHTML 1.0 Strict

Licenza Creative Commons
Quest'opera di Gian Mario Navillod distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

www.andre.navillod.it - escursioni e passeggiate guidate sui sentieri della Valle d'Aosta