Ghiacciaio di Laveciäu
Ghiacciaio di Laveciäu
(via normale al Gran Paradiso)

Lago del Miage
Lago del Miage

Da vedere e da fare in Valle d'Aosta

La Valle d'Aosta è la più piccola regione d'Italia, la sua superficie è pari a circa 1/100 dell'intera superficie nazionale, ma in questa piccola porzione di territorio sono concentrati millenni di storia circondati dalle cime più alte delle Alpi.

Nel raggio di pochi chilometri si incontra la varietà di paesaggio e di flora che solo un lungo viaggio tra il mediterraneo e il mare del Nord permetterebbe di osservare.

Dall'inizio della valle, dove fruttificano gli ulivi centenari del priorato di Saint Gilles, in poco più di un'ora si possono raggiungere le nevi eterne dei ghiacciai del Monte Rosa e nello stesso lasso di tempo ci si reca dall'area sacra di Saint Martin de Corléans frequentata da più di 5000 anni alla moderna struttura dell'osservatorio astronomico di Saint Barthélemy.

Il fondovalle è percorso dalla strada romana delle Gallie di cui sono ancora visibili, dopo 2000 anni i principali resti monumentali: il ponte di Pont Saint Marin lungo più di 35 metri, il tratto di Donnas scavato per 200 metri nella roccia viva e i ciclopici muri di sostegno di Bard.

Il centro storico di Aosta è ancora circondato dalle sue mura di epoca imperiale, vi si accede dalle monumentali Porte Pretoriane che erano alte in origine più di 10 metri. Nei pressi si trovano il teatro romano e poco distante, nella piazza della cattedrale, il suggestivo criptoportico, un lungo corridoio sotterraneo su cui poggiava anticamente il colonnato del foro.

Sulla strada che porta verso Cogne e il Parco Nazionale del Gran Paradiso che è il più antico d'Italia, si trova un monumento forse unico al mondo. Si tratta del ponte-acquedotto di Pondel che ha la particolarità di essere stato costruito da un privato, Caius Avillius Caimus, nel 3 a. C.

Affresco della cattedrale di Aosta con angeli musicanti
Affresco sul portale della
cattedrale di Aosta (XVI sec.)
con angelo cornamusiere

Canale di Pondel con Mont Fallère sullo sfondo
Canale di Pondel (3 a.c.)

Ponte acquedotto del 3 a.c.
Ponte acquedotto di Pondel

All'interno del parco si possono avvicinare gli stambecchi e osservare camosci, marmotte e con un po' di fortuna volpi e aquile; gli esemplari più belli della flora delle Alpi sono raccolti del giardino botanico Paradisia di Cogne.

L'intero fondovalle è punteggiato da torri di guardia e castelli; i più famosi sono quelli di Issogne per i suoi affreschi rinascimentali e quello di Fenis dalla doppia cinta muraria.

La regina Margherita di Savoia, quella che diede il nome alla pizza margherita, si fece costruire un castello a Gressoney dove trascorse gli ultimi dei suoi 36 anni di villeggiatura nella valle del Lys.

I ghiacciai

due funivie vi portano sui ghiacciai del Monte Bianco e del Monte Rosa

A piedi sui ghiacciai

Mura romane e buchi di pallottole sparate contro le truppe napoleoniche
Mura romane
e Borgo di Bard

Forte di Bard e ponte per Hone
Il Forte di Bard

Archeologia romana

I castelli valdostani

  • Issogne: con la fontana del melograno in ferro battuto e gli affreschi rinascimentali
  • Fenis: cinto da una doppia cinta muraria
  • Saint Pierre: sede del museo regionale di scienze naturali
  • Sarre: dimora dell'ultimo re d'Italia con i saloni decorati dai trofei delle cacce reali
  • Savoia di Gressoney: costruito per la villeggiatura della regina Margherita (quella che ha dato il nome alla pizza)
  • Il forte di Bard: sede del museo delle Alpi

Ghiaccioli nelle Gouffres des Busserailles in inverno
Gouffres des
Busserailles

a Valtournenche

La marmitta dei giganti di Bard
La marmitta dei giganti di Bard

I parchi naturali

  • Il parco nazionale del Gran Paradiso: per avvicinare stambecchi e marmotte
  • Il parco del Mont Avic: ricco di laghi e curiosità botaniche

I geositi della Valle d'Aosta

Le vecchie miniere

  • la miniera di Aymavilles: abbandonata e percorribile
  • gli edifici del villaggio di Colonna dove i minatori vivevano tutto l'anno a quasi 2400 metri di quota

I giardini botanici della Valle d'Aosta

  • Paradisia a Cogne
  • Chanousia al Piccolo San Bernardo
  • Saussurea a Courmayeur

Entrata della batteria in Caverna di Plan Puitz
Batteria in Caverna
di Plan Puitz

Fortificazione al Colle della Croce e Monte Bianco - Fort Nicolon
Fortificazione
al Colle della Croce

Gli zoo di fauna alpina

Arte classica romanica e tardogotica

  • il chiostro di Sant'Orso del XII secolo
  • gli stalli della cattedrale
  • il museo archeologico regionale

Le fortificazioni del XIX secolo

Le fortificazioni del XX secolo

I due colli già citati dal Polibio del II secolo a.c.

  • Il Piccolo San Bernardo con il Cromlech e le fortificazioni del XX secolo
  • Il Gran San Bernardo con i cani San Bernardo e l'ospizio

Sfioratore diga Place-Moulin Bionaz
Sfioratore diga Place-Moulin
di Bionaz in inverno

Lago della diga di Place-Moulin Bionaz
Lago di Place-Moulin Bionaz

Le dighe e le centrali idroelettriche

I canali irrigui costruiti per portare le acque dei ghiacciai nella valle centrale

di origine medioevale ma abbandonati

di origine medioevale e ancora utilizzati

  • il ru di By
  • Il ru Prévôt con il suo ponte acqudotto del XIV secolo
  • il Ru Marseiller

Lago, diga di Cignana e rifugio Barmasse dal Bivacco Manenti
Diga di Cignana

Rifugi e bivacchi della Valle d'Aosta elenco completo

I rifugi custoditi

I nuovi bivacchi

I vecchi bivacchi che hanno fatto la storia dell'alpinismo

I parchi avventura dove si torna bambini camminando sulle cime degli alberi

Ponte tibetano della ferrata di Valtournenche
Via Ferrata del Gorbeillon

Inizio della ferrata di Vofrède e Cervino
Via Ferrata di Vofrède

La placca della via ferrata Angster di Gressoney
Via Ferrata Angster di Gressoney

Le vie ferrate

Arrampicata sportiva

  • Centinaia di vie attrezzate in tutta la valle

Discese in rafting sulla Dora Baltea

Sci estivo sul Plateau Rosà

Bagni estivi nei torrenti

  • torrente Fert
  • le pozze di Arnad

L'acqua verde, l'eve verda, l'eau verte di Saint Marcel
L'acqua verde di Saint Marcel

Rascard tardomedievale di Triatel, XV secolo
Rascard tardomedievale di Triatel

Curiosità

Come arrivare in Valle d'Aosta

Voli low cost su Milano: Volagratis;
Bus dall'aereoporto di Orio al Serio a Milano, da 3,50 a 5 euro: autostradale, orioshuttle, Terravision;
Bus autostradale Milano - Aosta a 16,50 euro: Savda.

Dormire low cost in Valle d'Aosta

Cerca le migliori offerte su: Trivago;
Gli ostelli della gioventù, posto letto da 20 euro: Auberge de la Gare a Hone, Il casello a Verres.
I piccoli alberghi a gestione familiare, mezza pensione da 48 euro: Hotel des Roses di Antey.
La bioedilizia a Gressoney, mezza pensione da 49 euro: Hotel Ellex di Gressoney.
I rifugi alpini, pensione completa da 55 a 60 euro: Rifugio Chalet de l’Epée, Rifugio Mont Fallère.
I bivacchi, pernottamento gratuito o con piccola offerta: Bivacco Borroz nella Clavalité, Bivacco Reboulaz sotto la Becca di Luseney.

PAGINA DEL 8.06.2007
ULTIMO AGGIORNAMENTO 13.07.2014

Valid XHTML 1.0 Strict
Licenza Creative Commons
Questa opera di Gian Mario Navillod è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons (Attribuzione 3.0 Unported License).

www.andre.navillod.it - una  guida ambientale escursionistica per i sentieri della Valle d'Aosta