André Navillod suona il Baghèt, cornamusa bergamasca
André Navillod suona il Baghèt,
una cornamusa del Nord Italia

Affresco della cattedrale di Aosta con angeli musicanti
Angeli musicanti

La pastorala di Cerlogne
Pastorale de Noël
Le berdzé

Questa canzone è stata scritta dell’Abbé Cerlogne nel 1861, la musica è tratta dall’aria “La nuit d’un voile sombre”. La pastorala è una della canzoni dialettali più conosciute in Valle d'Aosta, si esegue tradizionalmente la vigilia di natale durante la messa di mezzanotte o all’interno del presepe vivente. Di solito non sono cantate tutte le sette strofe, nel testo edito nel 1932 le tre centrali sono state omesse, nel comune di Sarre alla fine del XX secolo si usava cantare solo la prima, la seconda e la sesta strofa.

La melodia presentata in questa pagina è in do maggiore ed è suonata da André Navillod con una cornamusa bergamasca, il Baghèt, costruita da Valter Biella.

Nell’immagine a destra si vede un particolare dell’atrio della cattedrale di Aosta affrescato nella prima metà del 1500, da notare sulla sinistra l’angelo vestito di verde che suona la cornamusa.

Busto dell'Abbé Jean Baptiste Cerlogne
J. B. Cerlogne

Testo originale (1889)
dell'Abbé Jean Baptiste Cerlogne

LA PASTORALA LA PASTORALE LA PASTORALA
Air: La nuit d’un voile sombre.
1
De nët euna leumiére Durant la nuit une lumière Di notte una luce,
I berdzè l’at paru; Aux bergers apparut; È apparsa ai pastori:
Un andze vin leur dëre: Un ange vient leur dire: Un angelo viene a dir loro:
Lo Sauveur l’est neissu. Le Sauveur est né. Il Salvatore è nato.
Un pouro baou l’est son palatse, Une pauvre étable est son palais; Una povera stalla è il suo palazzo,
Et sat pei de fen in traver Et sept brins de foin en travers E sette pagliuzze di fieno di traverso
Compouson lo deur matelatse Composent le dur matelas Compongono il duro materasso
De ci gran Rei de l’univer; De ce grand Roi de l’univers; Di questo grande Re dell’universo;
Et din la rigueur de l’iver Et dans la rigueur de l’hiver, E nel rigore dell’inverno
De dò trei lindzo l’est queuver. De deux ou trois linges il est couvert. Di due, tre lenzuola è coperto.
Un pouro (1) Una povera (1)
2
Berdzé, dei que le s-andze Bergers, puisque les anges Pastori poiché gli angeli
Di cheil son descendu, Du ciel sont descendus, Dal cielo sono discesi,
Pe tsanté le lovandze Pour chanter les louanges Per cantare le lodi
D’un meinà vouë neissu; D’un enfant né aujourd’hui. D’un bimbo nato oggi;
Parten! parten! L’est dzà doz’aoure; Partons! Partons! C’est déjà minuit; Partiamo! Partiamo! Sono già le dodici;
Galopen a Betheleen. Galopons à Bethléem. Galoppiamo a Betlemme.
No verren ci meinà que plaoure Nous verrons cet enfant qui pleure Vedremo questo bimbo che piange
Din euna rètse su lo fen. Dans une crêche sur le foin. Dentro una mangiatoia sul fieno.
Que ci petsou deit ëtre dzen! Que ce petit doit être beau! Quanto questo piccolo deve essere bello!
Më que l’est pouro in mëmo ten! Mais qu’il est pauvre en même temps! Ma quanto è povero nello stesso tempo!
Parten, etc. Partiamo, ecc.
3
Quetten noutra cabanna, Quittons notre cabane, Lasciamo la nostra capanna,
Agnë, feye et maouton; Agneaux, brebis et moutons; Agnelli, pecore e montoni,
Beissen bà din la plana Descendons dans la plaine Scendiamo giù nella pianura
Tsertsé ci dzen popon. Chercher ce petit poupon. A cercare questo bel neonato.
A ci meinà din la misére, A cet enfant dans la misère, A questo bambino nella miseria,
No fat lei porté de presen, Il nous faut lui porter des présents, Dobbiamo portare dei regali,
Afin que le jeu de sa mére Afin que les yeux de sa mère Affinché gli occhi di sua mamma
Le veyen pa todzor souffren. Ne le voient pas toujours souffrant. Non lo vedano sempre sofferente.
No fat lei porté de creissen, Il nous faut lui porter des gâteaux, Dobbiamo portagli/le dei dolci,
Et de lassë lo tsanon plein. Et de lait le seau plein. E di latte il tsanon (secchio di legno) pieno.
A ci meinà, etc. A questo bambino, ecc.
4
O berdzé, vo lo veide: O bergers, vous le voyez: O pastori, lo vedete:
Ah! Lo pouro meinà! Ah! Le pauvre enfant! Ah! Povero bambino!
Din cetta nët se freide Par cette nuit si froide In questa notte così fredda
Su de fen l’est coutsà. Sur du foin il est couché. Su del fieno è coricato.
Binque le rei, din l’abondance, Pendant que les rois, dans l’abondance, Anche se i re, nell’abbondanza,
Passon leur dzor din le pleisi, Passent leurs jours dans les plaisirs; Passano i loro giorni nei piaceri
L’Infan Jesu, din la souffrance L’Enfant jésus, dans la souffrance, Il Bambin Gesù, nella sofferenza
L’at case ren pe se creuvi. N’a presque rien pour se couvrir. Ha quasi nulla per coprirsi.
Et l’est per nò que vout souffri, Et c’est pour nous qu’il veut souffrir, Ed è per noi che vuol soffrire
Et que vout nëtre din l’oubli. Et qu’il veut naître dans l’oubli. E che vuol nascere nell’oblio
Binque, etc. Anche, ecc.
5
Mon Dzeu, v’ei voulu nëtre Mon Dieu, vous avez voulu naître Mio Dio, avete voluto nascere
Din un fran pouro andret! Dans un endroit vraiment pauvre! In un posto proprio povero
Sensa vitre i fenëtre Sans vitres aux fenêtres Senza vetri alle finestre
Vo poude avei bien fret. Vous pouvez avoir bien froid. Potete avere molto freddo
V’ei pe tot tsaat dove bëtsette Vous n’avez pour vous chauffer que deux bestioles Avete per riscaldarvi due bestiole
Que soufflon contre voutre pià, Qui soufflent contre vos pieds, Che soffiano contro i vostri piedi
Et de dò bocon de feissette Et de deux morceaux de langes E di due pezzi di fascette
Pouramen v’ëte immaillotà, Vous êtes pauvrement emmailloté Poveramente siete avvolto
Afin de reparé lo mà Afin de réparer le mal Per riparare il male
Que no s-an fé noutre petsà. Que nous ont fait nos péchés. Che ci hanno fatto i nostri peccati
Avete per ecc.
6
Le rei, din leur palatse, Les rois, dans leur palais I re nei loro palazzi
Retsertson le s-onneur; Recherchent les honneurs; Ricercano gli onori;
Et l’Infan Jesu catse Et l’Enfant Jésus cache E il Bambin Gesù nasconde
Din un baou sa grandeur. Dans une étable sa grandeur. Nella stalla la sua grandezza.
Son esemplo no fet comprendre Son exemple nous fait comprendre Il suo esempio ci fa capire
Qu’in ci mondo n’en a souffri, Qu’en ce monde nous avons à souffrir, Che in questo mondo dobbiamo soffrire,
Et no s-ingadze tseut a prendre Et nous engage tous à prendre E ci impegna tutti a prendere
Lo tsemin dret di paradi. Le chemin rude du paradis. Il cammino diritto del paradiso.
Ci que meprise le pleisi, Celui qui méprise les plaisirs, Chi disprezza i piaceri,
L’or et l’ardzen, l’est son ami. L’or et l’argent, est son ami. L’oro e l’argento, è suo amico.
Son esemplo, etc. Il suo esempio, ecc.
7
Perden un son eretadzo, Perdant son héritage Perdendo la sua eredità,
Lo premië pére Adan Le premier père Adam Il primo padre Adamo
L’at fet, din l’esclavadzo, A fait, dans l’esclavage, Ha fatto, nella schiavitù,
Plaouré tseut se s-infan. Pleurer tous ses enfants. Piangere tutti i suoi figli.
Më pe bonneur vouë vint de nëtre Mais, par bonheur, aujourd’hui vient de naître Ma per fortuna oggi è nato
Lo Sauveur promi dei gran ten. Le Sauveur promis dès longtemps. Il salvatore promesso da lungo tempo.
I vin de se fére cognëtre Il vient de se faire connaître Viene a farsi riconoscere
A de berdzé pouro, ignoren. À des bergers pauvres, ignorants. Da dei pastori poveri, ignoranti.
De sa veneuva achuremen, De sa venue, assurément, Della sua venuta sicuramente,
Lo dzablo l’est pa trop conten. Le diable n’est pas trop content. Il diavolo non è troppo contento.
Më pe, etc. Ma per, ecc.
(1) On répéte quatre vers. (1) Si ripetono quattro versi.

Affresco della cattedrale di Aosta con angeli cantanti
Angeli cantanti

Il testo è tratto dal volume Poésies en dialecte valdôtain dell’Abbé Jean-Baptiste Cerlogne, Imprimerie Louis Mensio, Aosta, 1889. È stato scritto in dialetto valdostano con traduzione a fronte, dell'autore, in lingua francese. Traduzione italiana di Gian Mario Navillod.

Versione del 1932 (Valdôtains, chantons!)

LA PASTORALA LA PASTORALA
Paroles: Abbé Cerlogne. Parole: Abbé Cerlogne.
Air: La nuit d’un voile sombre. Melodia: La notte d’un velo scuro.
1
De nët euna leumière, Di notte una luce,
I berdzé l’at paru; È apparsa ai pastori;
Un andze vin leur dëre: Un angelo viene a dir loro:
Lo Sauveur l’est neissu. Il Salvatore è nato.
Un pouro baou l’est son palatse, Una povera stalla è il suo palazzo,
Et sat pei de fen in traver E sette pagliuzze di fieno di traverso
Compouson lo deur matelatse Compongono il duro materasso
De ci gran Rei de l’univer; Di questo grande Re dell’universo;
Et din la rigueur de l’iver E nel rigore dell’inverno
De dò trei lindzo l’est queuver. Di due, tre lenzuola è coperto.
Un pouro, etc. (1) Una povera stalla, ecc. (1)
2
Berdzé dei que le s-andze Pastori giacché gli angeli
Di cheil son descendu, Dal cielo sono scesi,
Pe tsanté le louandze Per cantare le lodi
D’un meinà vouë neissu; D’un bimbo nato oggi;
Parten! Parten! L’est dzà doz’aoure; Partiamo! Partiamo! Son già le dodici;
Galopen a Betheleen. Galoppiamo a Betlemme.
No verren ci meinà que plaoure Vedremo questo bimbo che piange
Din euna rètse su lo fen. Dentro una mangiatoia sul fieno.
Que ci petsou deit ëtre dzen! Quanto questo piccolo deve essere bello!
Më que l’est pouro in mëmo ten! Ma quanto è povero nello stesso tempo!
Parten, etc. Partiamo, ecc.
3
Le rei din leur palatse, I re nei loro palazzi
Retsertson le s-onneur; Ricercano gli onori;
Et l’Infan Jesu catse E il Bambin Gesù nasconde
Din un baou sa grandeur. Nella stalla la sua grandezza.
Son esemplo no fet comprendre Il suo esempio ci fa capire
Qu’in ci mondo n’en a souffri, Che in questo mondo dobbiamo soffrire,
Et no s-ingadze tseut a prendre E ci impegna tutti a prendere
Lo tsemin dret di paradi. Il cammino diritto del paradiso.
Ci que meprise le pleisi, Chi disprezza i piaceri,
L’or et l’ardzen, l’est son ami. L’oro e l’argento, è suo amico.
Son esemplo, etc. Il suo esempio, ecc.
4
Perden son eretadzo, Perdendo la sua eredità,
Lo premië pére Adan Il primo padre Adamo
L’at fet, din lesclavadzo, Ha fatto, nella schiavitù,
Plaouré tseut se s-infan. Piangere tutti i suoi figli.
Më pe bonneur vouë vint de nëtre Ma per fortuna oggi è nato
Lo Sauveur promi dei gran ten. Il salvatore promesso da tanto tempo.
I vin de se fére cognëtre Viene a farsi riconoscere
A de berdzé pouro, ignoren. Da dei pastori poveri, ignoranti.
De sa veneuva achuremen, Della sua venuta sicuramente,
Lo dzablo l’est pa trop conten. Il diavolo non è troppo contento.
Më pe, etc. Ma per, ecc.

(1) On répète quatre vers. (1) Si ripetono quattro versi.

Testo tratto dal volume Valdôtains, chantons! a cura dell’Abbé Treves, Tipografia Silvestrelli e Cappelletto, Torino 1932. Traduzione italiana di Gian Mario Navillod.

Pont Saint Martin, angeli che reggono uno spartito
Angeli con spartito

Versione del 1957 (VALDOTEN, TZANTEN!)

(Patois des environs d’Aoste) (dialetto dei dintorni di Aosta)
LA PASTORALA (1) LA PASTORALA (1)
J. - B. CERLOGNE J. - B. CERLOGNE
1
De nët euna leumiére, Di notte una luce,
I berdzè l’at paru: È apparsa ai pastori:
Un andze vin leur dëre: Un angelo viene a dir loro:
Lo Sauveur l’est neissu. Il Salvatore è nato.
Un pouro baou l’est son palatze, Una povera stalla è il suo palazzo,
Et sat pei de fen in traver E sette pagliuzze di fieno di traverso
Compouson le deur matelatze Compongono il duro materasso
De ci gran Rei de l’univer; Di questo grande Re dell’universo;
Et din la rigueur de l’iver E nel rigore dell’inverno
De dò trei lindzo l’est queuver. Di due, tre lenzuola è coperto.
Un pouro, ... (*) Una povera stalla, ... (*)
2
Berdzé dei que le s-andze Pastori giacché gli angeli
Di cheil son descendu, Dal cielo sono discesi,
Pe tsanté le louandze Per cantare le lodi
D’un meinà vouë neissu; D’un bimbo nato oggi;
Parten! Parten! L’est dzà doz’aoure; Partiamo! Partiamo! Sono già le dodici;
Galopen a Betheleen. Galoppiamo a Betlemme.
No verren ci meinà que plaoure Vedremo questo bimbo che piange
Din euna rètse su lo fen. Dentro una mangiatoia sul fieno.
Que ci petsou deit ëtre dzen! Quanto questo piccolo deve essere bello!
Më que l’est pouro in mëmo ten! Ma quanto è povero nello stesso tempo!
Parten, etc. Partiamo, ecc.
3
Quetten noutra cabanna, Lasciamo la nostra capanna,
Agnë, fèye et maouton, Agnelli, pecore e montoni,
Beissen bà din la plana Scendiamo giù nella pianura
Tsertsé ci dzen popon. A cercare questo bel neonato.
A ci meinà din la misère, A questo bambino nella miseria,
No fat lei porté de presen, Dobbiamo portare dei regali,
Afin que le jeu de sa mère Affinché gli occhi di sua mamma
Le veyen pa todzor souffren. Non lo vedano sempre sofferente.
No fa lei porté de creissen, Dobbiamo portagli/le dei dolci,
Et de lassë lo tsanon plein. E di latte il tsanon (secchio di legno) pieno.
A ci meinà... etc. A questo bambino... ecc.
4
O berdzé, vo lo veide: O pastori, lo vedete:
Ah! Lo pouro meinà! Ah! Povero bambino!
Din cetta nët se freide In questa notte così fredda
Su de fen l’est coutsà. Su del fieno è coricato.
Binque le rei, din l’abondance, Anche se i re, nell’abbondanza,
Passon leur dzor din le pleisi, Passano i loro giorni nei piaceri
L’Infan Jesu, din la souffrance Il Bambin Gesù, nella sofferenza
L’at case ren pe se creuvi. Ha quasi nulla per coprirsi.
Et l’est per nò que vout souffrir, Ed è per noi che vuol soffrire
Et que vout nëtre din l’oubli. E che vuol nascere dell’oblio
Binque... etc. Anche... ecc.
5
Mon Dzeu, v’ei voulu nëtre Mio Dio, avete voluto nascere
Din un fran pouro andret! Proprio in un povero posto
Sensa vitre i fenëtre Senza vetri alle finestre
Vo poude avei bien fret. Potete avere molto freddo
V’ei pe tot tsast dove bëtsette Avete per riscaldarvi due bestiole
Que soufflon contre voutre pià Che soffiano contro i vostri piedi
Et de dò boccon de feissette E di due pezzi di fascette
Pouramen v’ëte immaillottà, Poveramente siete avvolto
Afin de reparé lo mà Per riparare il male
Que no s-an fé noutre petsà Che ci hanno fatto i nostri peccati
Vei pe tot... etc. Avete per... ecc.
6
Le rei din leur palatse, I re nei loro palazzi
Retsertson le s-onneur; Ricercano gli onori;
Et l’Infan Jesu catse E il Bambin Gesù nasconde
Din un baou sa grandeur. Nella stalla la sua grandezza.
Son esemplo no fet comprendre Il suo esempio ci fa capire
Qu’in ci mondo n’en a souffri, Che in questo mondo dobbiamo soffrire,
Et no s-ingadze tseut a prendre E ci impegna tutti a prendere
Lo tsemin dret di paradi. Il cammino diritto del paradiso.
Ci que meprise le pleisi, Chi disprezza i piaceri,
L’or et l’ardzen, l’est son ami. L’oro e l’argento, è suo amico.
Son esemplo... etc. Il suo esempio... ecc.
7
Perden un son eretadzo, Perdendo la sua eredità,
Lo premië pére Adan Il primo padre Adamo
L’at fet, din l’esclavadzo, Ha fatto, nella schiavitù,
Plaouré tseut se s-infan. Piangere tutti i suoi figli.
Më pe bonneur vouë vint de nëtre Ma per fortuna oggi è nato
Lo Sauveur promi dei gran ten. Il salvatore promesso da tanto tempo.
I vin de se fére cognëtre Viene a farsi riconoscere
A de berdzé pouro, ignoren. Da dei pastori poveri, ignoranti.
De sa veneuva achuremen, Della sua venuta sicuramente,
Lo dzablo l’est pa trop conten. Il diavolo non è troppo contento.
Më pe... etc. Ma per... ecc.
(*) Si ripetono quattro versi.
(1) Les paroles on été écrites en 1861 (Voir «Poésies en dialecte valdotain» per l’abbé J.B. Cerlogne, Aoste, Impr. L. Mensio, 1880, pag. 104 et suiv.), la musique a été inspirée de l’hymne «La nuit d’un voile sombre». (1) I versi sono stati scritti nel 1861 (Vedi «Poésies en dialecte valdotain» dell’abbé J.B. Cerlogne, Aosta, Impr. L. Mensio, 1880, pag. 104 e seguenti), la musica è stata ispirata dall’inno «La notte con un velo scuro».

Il testo è tratto dal volume pubblicato nel 1957 VALDOTEN, TZANTEN! di Pignet Vuillermoz e Willien, Stamperia Musicale Fratelli Amprimo, Torino. Traduzione italiana di Gian Mario Navillod

Bibliografia:

Jean-Baptiste Cerlogne, Poésies en dialecte valdôtain, Imprimerie Louis Mensio, Aosta, 1889
Valdôtains, chantons!, Tipografia Silvestrelli e Cappelletto, Torino 1932
Pignet Vuillermoz e Willien, VALDOTEN, TZANTEN!, Stamperia Musicale Fratelli Amprimo, Torino 1957
Egidio Lanivi, à pleine voix, Casa Editrice Singularis, Aosta 2005

PAGINA DEL 12.04.2007

Valid XHTML 1.0 Strict

Licenza Creative Commons
Quest'opera di Gian Mario Navillod distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

www.andre.navillod.it - escursioni e passeggiate guidate sui sentieri della Valle d'Aosta