Tamburo in pelle di camoscio
Tamburo di Cogne

La clicca dzeusta (djeusta tzeusta)

La melodia originale è in fa maggiore. È stata trasportata in sol maggiore per poterla più facilmente eseguire con gli strumenti tradizionali. Negli spartiti in formato PDF e PNG si trova la diteggiatura per l'organetto diatonico; il re diesis che non presente negli strumenti diatonici puo essere sostituito dal re naturale.

LA CLICCA DZEUSTA LA CRICCA GIUSTA

1
No sen de cetta benda pe rire e pe tzanté, Siamo di questa banda per ridere e per cantare
No sen na clicca dzeusta qui ten pe lo patouë, siamo la cricca giusta che tiene per il dialetto
Que ‘nporte a no la guèra que fan y dzor de ouë, Cosa ci importa della guerra che fanno oggigiorno
Ten que no sen nos’âtre, no tzanteren parè. Fino a che ci saremo noi altri canteremo così
Feuillette de no ten, que predzade l’italien, Ragazzine di questi tempi che parlate italiano
Tzantade comme mè, français, patoè, Cantate come me francese dialetto
Todzor, todzor paré. Sempre sempre così

2
Cen que te nen dirie si un dzor le Valtornein, Cosa ne diresti se un giorno gli abitanti di Valtournenche
Avouë cice de Cogne predzuchon l’italien; Con quelli di Cogne parlassero italiano
Et su pe le montagne senti étot tzantë E su per le montagne sentissimo ovunque cantare
Tzanson napolitaine a no pétzou berdzë? Canzoni napoletane ai nostri piccoli pastori
Dedin noutra meison, tegnen no tradechon, Dentro la nostra casa teniamo le nostre tradizioni
Perden pa lo patouë, jamé, jamé! Non perdiamo il dialetto mai mai
Tzanten todzor paré. (bis) Cantiamo sempre così(bis dalla strofa precedente)

2
“Montagnes Valdôtaines” dei ëtre ta tzanson, “Montagne Valdostane” deve essere la canzone
Ou çalla que Cerlogne l’a fé pe ta reison; O quella che Cerlogne ha fatto per la tua ragione
Si noutro cher poète lei fusse i dzor de ouë Se il nostro caro poeta ci fosse ancora al giorno d’oggi
Si sceur que ci pouro ommo se beterie a plaourë. Sono sicuro che questo povero uomo si metterebbe a piangere
Et ara Pantion, porta na grolla de veun bon: E ora Pantaleone porta una grolla di vino buono
Beien a la santé di bò patouë Beviamo alla salute del bel dialetto
Que n’oublien jamë. (bis) Che non dimenticheremo mai (bis dalla strofa precedente)


Testo tratto da:
Pignet Vuillermoz e Willien, VALDOTEN, TZANTEN!,
Stamperia Musicale Fratelli Amprimo, Torino 1957
Traduzione di Gian Mario Navillod

L'autore della canzone La clicca dzeusta è Vincent Piccone, morì a 28 anni il 3 dicembre 1933.

Bibliografia:

Jean Domaine, Chantons encore, ed. Musumeci, Quart (AO) 1996
Pignet Vuillermoz e Willien, VALDOTEN, TZANTEN!, Stamperia Musicale Fratelli Amprimo, Torino 1957

Discografia:

-

PAGINA DEL 10.10.2006

Valid XHTML 1.0 Strict

Licenza Creative Commons
Quest'opera di Gian Mario Navillod distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

www.andre.navillod.it - escursioni e passeggiate guidate sui sentieri della Valle d'Aosta